Alcuni dei miei Videoclip

Loading...

domenica 16 ottobre 2011

La poesia e le canzoni di Chico Buarque

"Il Brasile di Chico Buarque"

La bellezza della musica popolare brasiliana (MPB) non sta solo tra le note di armonie complesse, di melodie indimenticabili, o nella dolcezza di alcune meravigliose voci, o nei virtuosismi di alcuni straordinari percussionisti…anzi….
Ciò che, secondo me, rende unica l’MPB è la simbiosi tra la musica straordinaria a cui accennavo sopra e la poesia.

Il padre di questa creatura straordinaria probabilmente è stato Vinicius de Moraes (foto), il sommo poeta, seguito poi da molti altri come Caetano Veloso, Paulinho da Viola, Milton Nascimento e soprattutto Chico Buarque de Hollanda.
Quest’ultimo autore, da molti riconosciuto come il migliore artista di sempre dell’MPB, è quello che meglio riesce a coniugare una musica di straordinaria qualità tecnica a testi profondi, taglienti, mai banali....poesie stupende.
  
Chi associa la musica brasiliana al “trenino ballereccio” di capodanno, oppure a qualche mulatta che sculetta nel Carnevale di Rio si perde davvero tanto.

Purtroppo nel mio Paese, che pure ha una tradizione musicale di tutto rispetto, la musica leggera è sempre più un bene di consumo assolutamente transitorio slegato da ciò che resta della nostra Cultura; le canzoni, sono prodotti usa e getta che la televisione e la radio diffondono seguendo logiche esclusivamente commerciali….
E le eccezioni sono davvero pochissime.

E così succede che, se si parla di musica brasiliana, all’italiano comune vengono in mente un paio ballerine di samba coscia-lunga, culo-sodo, mezze nude sulle note di “Disco Samba” (dei Two Man Sound, un trio di idioti proveniente, dal Belgio, che adesso sguazza nei milioni guadagnati coi diritti d’autore).

Purtroppo poi la stragrande maggioranza dei musicisti brasiliani (tra cui anche alcuni fenomeni) approdati in Italia, si guardano bene dallo smentire un’idea simile della loro musica, della loro Cultura, ma felici e contenti cavalcano l’onda, “legano l’asino dove vuole il padrone”.
Che dire…pazienza…


Nel mio piccolissimo, ho scritto (dapprima da solo, poi assieme a Fabrizio Corso) e portato in scena, diverse volte ormai, uno spettacolo di musica e poesia brasiliana che ho chiamato 
Il Brasile di Chico Buarque”.  

Mi sono reso conto che proporre uno spettacolo tributo a Chico Buarque mi consentiva di toccare moltissimi stili musicali brasiliani (bossa nova, samba melodico, baião, marcha e perfino batucada), di leggere e interpretare diverse poesie (traduzioni in italiano di alcune canzoni di Chico) e brani tratti da suoi romanzi (Chico è anche un romanziere) e anche di ripercorre la storia culturale e politica brasiliana degli ultimi quarant’anni.  

Così ho prodotto tantissimo materiale su Chico : traduzioni in italiano di testi delle sue canzoni, arrangiamenti originali, raccolte fotografiche, estratti delle sue interviste, dati biografici etc. etc.
(Materiale che potete trovare su www.chicosamba.it)   

E alla fine è nato uno spettacolo di teatro-canzone (citando il mio adorato Giorgio Gaber) dove musica e poesia (tradotte in italiano, per rendere lo spettacolo accessibile a tutti) si intrecciano e si impreziosiscono a vicenda, dove note e parole si spartiscono il palcoscenico lasciando intravedere sprazzi di Brasile.
…sono un grande fan di questo spettacolo :D sorrisone !

Moltissimi artisti mi sono già stati vicini in quest’avventura e molti ce ne saranno ancora e a loro va un mio sincero ringraziamento per aver reso possibile portare in scena una mia idea.
Solo per citarne alcuni : Fabrizio Corso, Lourinha G., Andrea Leoni, Flavinho Vargas, Roberto Stilo, Pierpaolo Eramo, Giorgia Corso, Neville Lyon, Simona Palmiero, Giada Felici, Stefano Giordano, Stefano Flammini, Luna Whibbe, Emilio Valentini, Jorge Vieira, Mariella Greci etc..etc…

La prossima “tappa” dello spettacolo ci sarà a brevissimo 
(sabato 29 ottobre 2011) e vedrà il “debutto” di un nuovo artista : Daniele Russo, detto “O Rei” (il Re…..inteso non come la seconda nota J ). Con lui abbiamo da poco iniziato un nuovo ambizioso progetto di musica originale, sempre in stile bossa nova – samba.

Presenteremo alcune nuove canzoni di Chico Buarque tra cui Sinhà (tratta dall’ultimissimo album Chico 2011 – vedi post: http://chicosamba.blogspot.com/2011_08_01_archive.html) e leggeremo alcuni brani tratti dai suoi romanzi…..chiedendo aiuto al “Dio della Lettura” J .

Seppur orfani di Mariella Greci, suoneremo anche uno dei nostri “fiori all’occhiello”, la canzone  Calice versione in italiano di cui abbiamo anche recentemente girato un videoclip che trovate in fondo al post :

Questa volta ci ospiterà un delizioso locale del quartiere Prati di Roma, locale co-gestito da un mio “vecchio” amico cestista-musicista (Francesco Baconcini*), un circolo culturale in cui si respira quell’aria inconfondibile da jazz club:

Circolo Mr.Godot - Sapor sapiens 
(via Mocenigo 4 – Prati – Roma)

Tutte le informazioni le trovate all’indirizzo :

Il locale, come dicevo sopra, è delizioso....e quel che più mi piace è che alla musica è dato molto spazio; c’è infatti un piccolo palco, molto ben attrezzato, una batteria, un pianoforte e soprattutto un gestore che ama la musica (di solito vendono birra e basta).  

*Curiosa la mia amicizia con Francesco (un uomo che a vederlo da lontano, alto e minaccioso, sembra che voglia spezzarti come fossi un grissino, ma poi, se ti avvicini un po’, è un uomo di straordinaria ironia e dolcezza) ; da piccolo avevo in camera una foto della squadra di serie C di pallacanestro della Fortitudo Roma con tutti gli autografi dei giocatori…..e Francesco era uno di quelli…uno dei miei miti di bambino.
Qualche anno più tardi  ho giocato nella stessa squadra, assieme a lui…….io ero il “ragazzino” e lui il giocatore d’esperienza.
Oggi, che le nostre gambe e le braccia non tengono più, ci siamo ritrovati amici nella musica...molto meno faticosa J .
Chissà che succederà domani….  

Non mi resta allora che darvi un appuntamento per sabato 29 ottobre 2011 al Sapor Sapiens !!

Videoclip di "Calice" - di Chico Buarque 
(versione in italiano a cura di Guido Rita)




Nessun commento:

Posta un commento